THE BUILDER

Come scegliere un investimento immobiliare?

Come scegliere un investimento immobiliare?

Set 7, 2023 | Come investire, Investimenti, Investimenti immobiliari

Investire è bello, certo! Ma come scegliere un investimento immobiliare?
Ogni investimento richiede attenzione e valutazione accurata, ma quando si tratta di investire in un bene immobile, le valutazioni necessarie sono ancora più complesse. L’acquisto di un immobile da affittare o vendere richiede l’attenta analisi di una serie di fattori che possono influire in maniera importante sul risultato dell’investimento.

In questa guida, scopriremo insieme i parametri principali che devono essere considerati per valutare un investimento immobiliare.

Scopriamo insieme come scegliere un investimento immobiliare grazie a questi 5 consigli.

1 Potenzialità di guadagno

Il fattore più importante che determina l’interesse di un investitore ad acquistare un immobile è la sua capacità di generare un reddito. L’immobile dovrebbe avere un equilibrio tra il prezzo d’acquisto e il potenziale reddito che può essere generato da esso, ad esempio dai canoni d’affitto o dal valore di vendita. In generale, un buon investimento immobiliare genera un rendimento tra il 6% e il 10% del prezzo d’acquisto annuale.

Un investitore dovrebbe considerare anche le fluttuazioni del mercato immobiliare, dato che potrebbero incidere sul rendimento dell’immobile.

È importante studiare attentamente i trend del mercato e le previsioni economiche. Inoltre, la dimensione dell’immobile e il tipo di proprietà (residenziale, commerciale, industriale) possono influenzare il suo potenziale di guadagno. Ricordati sempre di considerare eventuali costi di gestione, come tasse, manutenzione e assicurazione, quando si calcola l’eventuale ritorno sull’investimento.

Il rendimento dell’investimento, o ROI (Return On Investment), è un indicatore chiave che misura l’efficienza di un investimento immobiliare. Esso rappresenta il rapporto tra il guadagno netto dell’investimento e il costo totale dello stesso.

Ad esempio, se l’investimento totale per l’acquisto e la ristrutturazione di un immobile è di 200.000 euro e l’immobile genera un reddito annuo di 20.000 euro, il rendimento annuo è del 10%. Una percentuale di rendimento elevata indica un investimento più redditizio.

Tuttavia, è importante ricordare che un rendimento elevato potrebbe anche indicare un rischio più alto. Pertanto, prima di prendere una decisione di investimento, è fondamentale analizzare attentamente sia il potenziale rendimento che il livello di rischio associato.

2 Stato dell’immobile

La condizione dell’immobile è un altro fattore chiave che deve essere preso in seria considerazione nell’ambito di una valutazione. Se un immobile richiede una ristrutturazione completa, il costo del lavoro dev’essere incluso nel prezzo finale. D’altra parte, una casa già ristrutturata o completamente rinnovata, avrà maggior valore aggiunto.

Inoltre, bisogna considerare la qualità della ristrutturazione. Un lavoro eseguito in modo scadente potrebbe richiedere ulteriori interventi, aumentando così le spese.
Infine, da un punto di vista estetico, una casa rinnovata con gusto e attenzione ai dettagli può attrarre un maggior numero di potenziali inquilini o acquirenti, aumentando quindi il suo valore sul mercato. Hai mai sentito parlare del Flipping Immobiliare?

Lo stato di conservazione dell’immobile è un elemento fondamentale da valutare. Un edificio ben mantenuto, con impianti a norma e senza problemi strutturali, avrà un valore di mercato più alto. Al contrario, un immobile con problemi strutturali o impianti obsoleti necessiterà di investimenti per le riparazioni, diminuendo così il rendimento dell’investimento.

È consigliabile effettuare un accurato controllo dell’immobile, possibilmente con l’aiuto di un esperto, per individuare eventuali problemi nascosti.
Ricordati, un immobile in buone condizioni è più attraente per i potenziali inquilini o acquirenti.

Come scegliere un investimento immobiliare?

3 Posizione

La posizione è uno dei fattori più importanti nel determinare il valore di un immobile. La vicinanza a mezzi di trasporto pubblico, negozi e altri servizi importanti, possono fare la differenza nella determinazione del valore dell’immobile. Al contrario, una posizione distante dai servizi essenziali, puo causare una svalutazione dell’immobile.

Inoltre, la posizione in una città o regione influisce sulla domanda e sui prezzi di affitto. Un immobile situato in una città dinamica o in una regione turistica può avere un valore più alto rispetto a uno in una zona con attività economica limitata.
La vicinanza a scuole, ospedali o aree verdi può aumentare l’attrattività di una proprietà, soprattutto per le famiglie.

Anche la posizione in un quartiere sicuro e ben mantenuto può contribuire positivamente al valore dell’immobile.

4 Condizioni legali e fiscali

L’acquisto di un immobile comporta anche l’osservanza di leggi e regolamenti riguardanti l’imposta sugli immobili e la proprietà. Inoltre, è importante considerare il costo delle tasse che devono essere pagate e le modalità di rimborso di eventuali prestiti o mutui.

Anche la normativa locale su questioni come i diritti di proprietà, i permessi di costruzione e le regolamentazioni sulla locazione può influire significativamente sul valore di un immobile. Prima di fare un investimento, è consigliabile consultare un avvocato o un consulente immobiliare per capire tutte le implicazioni legali e fiscali.

Questo può aiutare a evitare sorprese costose in futuro e a garantire un rendimento stabile dall’investimento.

Tieni anche presente che le leggi e i regolamenti possono cambiare, quindi è importante rimanere aggiornati.

5 Numero di unità

La presenza di più unità in un singolo immobile significa che il reddito complessivo che si può generare è più alto di quello che ci si aspetterebbe da un singolo immobile. Tuttavia, le responsabilità legate alla proprietà aumentano in proporzione al numero di unità. Pertanto, è importante bilanciare il potenziale di guadagno con le responsabilità aggiuntive.

La gestione di un immobile con più unità può richiedere più tempo e risorse. Ad esempio, la manutenzione può essere più costosa e complessa, e potrebbero essere necessarie competenze specifiche per gestire le relazioni con più inquilini.

Nonostante questi potenziali svantaggi, le proprietà con più unità possono offrire opportunità di diversificazione del rischio, poiché la perdita di un singolo inquilino avrà un impatto minore sul reddito complessivo.

Criteri per la selezione di un immobile per l’affitto

Nel selezionare un immobile da acquistare per metterlo in affitto, ci sono alcuni criteri chiave da considerare. Prima di tutto, bisogna valutare l’attrattività dell’immobile per i potenziali inquilini. Fattori come la grandezza della casa, il numero di stanze, la presenza di un giardino o di un terrazzo, possono influenzare significativamente l’interesse di potenziali inquilini. Un altro fattore da considerare è la rendita potenziale dell’immobile. Calcolando l’affitto mensile possibile considerando il mercato locale e sottraendo le spese di gestione, sarà possibile calcolare il rendimento annuo dell’investimento. Infine, è fondamentale considerare la facilità di rivendita dell’immobile, nel caso in cui le condizioni di mercato cambino o si presentino altre opportunità di investimento più remunerative.

Criteri per la selezione di un immobile da acquistare per rivenderlo

Nel caso in cui l’obiettivo dell’investimento immobiliare sia la rivendita, è necessario considerare criteri specifici per massimizzare i profitti. Innanzitutto, è importante analizzare il potenziale di rivalutazione dell’immobile nel tempo, dato da fattori come l’ubicazione, l’andamento del mercato immobiliare locale e i progetti futuri per l’area.

Un altro aspetto fondamentale da considerare è l’entità delle eventuali ristrutturazioni necessarie: un immobile che necessita di interventi importanti dovrà essere acquistato a un prezzo più basso per garantire una buona redditività alla rivendita. Infine, è essenziale valutare la liquidità del mercato immobiliare locale: se il mercato è lento, potrebbe essere difficile rivendere l’immobile in tempi brevi, aumentando il rischio dell’investimento.

Crowdfunding immobiliare: come scegliere un progetto?

Nella scelta di un progetto di Crowdfunding immobiliare, ci sono diversi fattori da considerare. Prima di tutto, è importante valutare la solidità dell’organizzazione che propone il progetto.

È inoltre fondamentale analizzare attentamente il progetto stesso, considerando aspetti come la posizione dell’immobile, le prospettive di rivalutazione, e il piano di sviluppo proposto. Infine, bisogna considerare le condizioni finanziarie del progetto, come il rendimento atteso, il termine dell’investimento, e il rischio associato.

Sulla nostra piattaforma The Builder è facile! Non dovrai fare altro che registrarti, scegliere un progetto, investire anche partendo da piccole cifre e cominciare a guadagnare.

Step 1: Registrazione/creazione conto

Registrazione gratuita e creazione di un conto personale per gestire il portafoglio dei propri investimenti.

Step 2: Analisi e valutazione progetti

Scopri la Panoramica di tutti i progetti proposti in cui poter investire divisi in tre categorie: Superbonus110%,Sviluppo e messa a reddito.

Step 3: Accesso alla documentazione per ciascun progetto

Accedi alla documentazione dettagliata di ciascun progetto per una scelta d’investimento mirata.

Step 4: Scelta dell’operazione su cui investire e ordine d’investimento

Dopo aver selezionato il o i progetti che si sceglie di finanziare si diventa investitori a tutti gli effetti.

Step 5: Ricezione report periodici

Riceverai periodicamente i resoconti dettagliati, inviati dal team di The Builder, sull’andamento dei progetti.

Step 6: Recupero del capitale e incasso degli interessi

Una volta concluso il progetto il capitale e gli interessi accumulati vengono liquidati agli investitori.

Conclusioni

Valutare un investimento immobiliare richiede un’osservazione accurata e l’analisi di molti fattori. Per ottenere il massimo valore dall’acquisto di un immobile da affittare o vendere, è necessario prendere in considerazione la posizione, la ristrutturazione, le potenziali fonti di guadagno, le condizioni legali e fiscali, e il potenziale di più unità. E grazie al Crowdfunding immobiliare è tutto ancora più semplice basta essere online!

The Builder S.r.l. è proprietaria di thebuilder.it, una piattaforma di Lending crowdfunding, la cui gestione di fondi avviene attraverso LEMONWAY. La nostra attività consiste nel mettere in contatto, attraverso la piattaforma web, persone fisiche /o giuridiche, che offrono prestiti fruttiferi a soggetti giuridici, chiamati promotori, che richiedono liquidità per realizzare investimenti con la propria azienda ed offrire in cambio un interesse sulla somma prestata.
The Builder S.r.l. non offre consulenza finanziaria e nessuna delle attività proposte dovrebbe essere considerata come tale.
Le analisi contenute nella piattaforma hanno valore puramente informativo e non costituiscono una consulenza specifica.
The Builder S.r.l. non è una società di servizi di investimento o un istituto di credito e non è membro di alcun fondo di garanzia degli investimenti o fondo di garanzia dei depositi né è una società di cui al D.lgs. 385/1993 (TUB) o D.lgs. 58/1998 (TUF).
Esiste il rischio di perdita totale o parziale del capitale prestato, il rischio di non ricevere il rendimento atteso e il rischio di illiquidità nel recupero del vostro prestito.
Sia i progetti che i promotori sono analizzati esclusivamente da The Builder S.r.l., seguendo un processo articolato in tre fasi (analisi preliminare, valutazione giuridico-finanziaria e ripartizione dei rischi e pubblicazione sul sito web), senza l’intervento di alcuna autorità pubblica in questo senso. L’utilizzo della piattaforma di The Builder S.r.l. sarà gratuito per gli utenti non promotori. Una volta chiusa la campagna di raccolta per un determinato progetto, gli utenti formalizzeranno un contratto di mandato rappresentativo a favore di The Builder S.r.l. in modo che possa eseguire con il promotore gli accordi legali vincolanti per la realizzazione del progetto. Tali accordi sottoscritti con il promotore stabiliranno i termini e le condizioni per la restituzione del capitale e il pagamento degli interessi corrispondenti al progetto, sempre seguendo le informazioni pubblicate sul sito web di The Builder S.r.l.

Potrebbe interessarti…

Iscriviti alla piattaforma
Con The Builder investi in tutta sicurezza a partire da 250€...bastano pochi click!
Iscriviti ora
Con The Builder investi in tutta sicurezza a partire da 250€...bastano pochi click!